Prima esperienza lavorativa post laurea, un bellissimo progetto: Soluzioni Informatiche fiorente software house Torinese impegnata nello sviluppo di sistemi CAD/CAM/CIM per la lavorazione della lamiera, con grandi aspirazioni di espandersi all'estero.

Sono stato assunto con il progetto di aprire un nuovo mercato negli stati uniti per le lavorazioni di taglio laser 3D, principalmente settore Automotive. Inizio questa bellissima esperienza studiandomi a fondo i prodotti, inizio a visitare i primi clienti in Italia, inizio a fare installazioni e avvii della produzione presso piccole medie realtà: dalle officine a conduzione familiare a grandi aziende dell'indotto FIAT. Il mo intervento durava dai 2 ai 5 giorni e consisteva nella configurazione del sistema CAD/CAM in base alle esigenze di produzione del cliente, in base alle macchine a controllo numerico presenti in officina, quindi il collegamento in rete tra l'ufficio tecnico e il reparto CNC. Formare il personale all'utilizzo dei software ed avviare la produzione. Quando ero in sede mi occupavo sia di assistenza clienti post vendita, che di supportare il reparto sviluppo per il miglioramento dei prodotti. Presso la sede di Milano mi occupavo di fare corsi di formazione in aula per aziende. I corsi potevano essere di primo o secondo livello, i corsi di primo livello erano di 3 giorni,  in media 4-5 aziende, una decina di persone circa; veniva insegnata la tecnica di progettazione CAD 2D 3 3D. I corsi di secondo livello erano fatti in azienda non in sede, presso clienti che già utilizzavano i software, ma che avevano necessità di approfondire alcune funzioni particolari per poter fare lavorazioni specifiche. Sono diventato responsabile del settore 3D, ho iniziato quindi a fare interventi all'estero sia in Europa/Stati Uniti/Asia, mantenevo i rapporti con uno dei principali vendor dei produttori di macchine di taglio laser 3D, fungendo da tecnico in demo per contratti di fornitura molto rilevanti. Per circa un anno e mezzo ho lavorato frequentemente negli Stati Uniti per cercare di aprire un sede overseas dell'azienda. Purtroppo questioni di mercato non dipendenti da noi non siamo riusciti a creare quel minimo trend che potesse giustificare una nostra presenza residente.

Nel 2005 in conseguenza di problematiche familiari non potevo più permettermi di fare il tecnico trasfertista, e purtroppo non trovai un accordo con l'azienda che potesse permettermi di restare senza l'obbligo di trasferta.

Ho avviato un progetto di progettazione CAD/CAM on demand nel quale mi proponevo come professionista per lavorazioni particolarmente complicate e per surplus produttivi i miei clienti erano aziende che già conoscevo dalla mia pregressa esperienza lavorativa, senza niente togliere alla mia ex azienda che non era interessata a dare il servizio. In questo periodo ho lavorato anche presso IAL Piemonte a Biella come docente per corsi ECDL.

 

 

--