La Montagna,  la grandezza della natura, il contatto con qualcosa di più grande, al di là della tua percezione cosciente, ti infonde profondamente la certezza di essere parte di qualcosa di più grande.

Il contatto con elementi primordiali: roccia, vento Natura a volte incontaminata. Sono stato iniziato a questo mondo praticamente alla nascita, mio padre ha iniziato a portarmi in montagna che neanche camminavo, in Dolomiti. Ho trascorso le mie estati nelle Dolomiti Ampezzane, almeno finchè ormoni e spirito di ribellione non mi hanno fatto prediligere diciamo altre priorità, ma poi tanto è una ruota che gira, e poi si torna da dove si era partiti. Le mie estati erano costellate di camminate poi pian piano ho fatto le mie prime esperienze di ferrate per arrivare a conquistare come P.ta Anna sulle Tofnae la mitica ferrata Olivieri, o la Tomaselli sulla P.ta Fanes.

Il passo succesivo era già lì pronto abbandonare il cavo d'acciaio ed abbracciare due mezze corde, rinvii, nuts ( friends dovevano ancora nascere, o forse comunque arrivare in Italia).  Inizio così tredicenne ad esplorare le 5 Torri, sasso di Stria e altre ancora.

A 16 anni inizio il mio percorso come arrampicatore di falesia